mercoledì 12 dicembre 2018

UN POMERIGGIO CON BAYER TRA VIZI E VIRTU' DEGLI ITALIANI A TAVOLA


La scorsa settimana ho preso parte ad una tavola rotonda davvero interessante sui vizi e le virtù degli italiani a tavola. Il Natale si avvicina e siamo tutti alle prese con pranzi e cene con parenti ed amici. Questo incontro a cui ho aderito, libero a tutti previa iscrizione, fa parte di un ciclo di incontri, dal titolo "Conosciamoci Meglio", che si svolgono presso il Centro Comunicazione Bayer di Viale Certosa 130 a Milano.

Un incontro istruttivo e gratificante al quale seguiranno ulteriori otto appuntamenti su temi di attualità e rilevanza sociale come bullismo e cyberbullismo, nuove applicazioni della robotica al servizio della persona, la medicina delle migrazioni, l’impatto dello smart working sulla qualità della vita, vecchie e nuove dipendenze e ruolo e benefici della pet therapy.

E' sempre bello prender parte a queste dinamiche dove autorevoli relatori dialogano con i cittadini su temi d’interesse e rilevanza sociale, ma anche d'impatto, soprattutto in occasione delle festività natalizie, come il cibo, l’alimentazione e le "diete".


Nell’appuntamento della scorsa settimana “Bada a come mangi. Vizi e virtù degli italiani a tavola, a Natale e non solo”, si è approfondita una tematica davvero importante e attuale come quella dell'alimentazione, ragionando sull’evoluzione degli stili alimentari, spesso influenzati dall’informazione web e dai falsi miti che includono diete miracolose e fantomatiche proprietà benefiche o dannose di certi alimenti

Vi parlo spesso di sana alimentazione e di tutto ciò che ruota attorno ad essa. La salute passa, in primis, dall'alimentazione; ecco perché è bene valutare pro e contro, saper distinguere cosa è sano e cosa no o in che quantità, capire e conoscere le etichette ed i valori nutrizionali ma, soprattutto, non credere a tutto ciò che viene proposto come rimedio rapido e privo di fatica, anche se proviene da testate giornalistiche online.

La salute è importante e dobbiamo prendercene cura, con la cultura e la conoscenza, non con le dicerie ed i falsi miti.



Durante l'incontro, grazie alla moderazione di Edoardo Rosati, giornalista UNAMSI, è stato offerto un excursus su alcuni casi di mala informazione che hanno influenzato le scelte alimentari e il mondo produttivo tra cui il famoso “China Study” che sosteneva una correlazione diretta fra il consumo di latticini (caseina) e l’insorgenza di alcuni tumori: uno studio dimostratosi poi falsato e destituito di ogni fondamento scientifico.


La serata è cominciata con l'intervento della Prof.ssa Evelina Flachi, nutrizionista, che ha approfondito la tematica dal punto di vista scientifico e sociale, discutendo sull’informazione e sulla disinformazione in materia di nutrizione, sugli allarmismi e sull’importanza dell’educazione alimentare nell’incoraggiare cultura e consapevolezza circa gli stili da seguire: “L’Italia, a oggi, è una delle realtà più affidabili sotto il profilo produttivo, dei controlli e della tracciabilità della filiera” – Ha sottolineato Flachi - “È importante incentivare l’introduzione dell’educazione alimentare come materia scolastica fin dalla prima infanzia, così che la cultura alimentare diventi un patrimonio diffuso fatto di scelte alimentari consapevoli e informate. È altrettanto importante che passi il messaggio che un alimento miracoloso o totalmente negativo non esiste: non è utile né giusto demonizzare o santificare un alimento, è fondamentale invece farlo conoscere e mettere tutti nelle condizioni di fare una scelta guidata dalla cultura e non dal sentito dire”.

La Prof.ssa Flachi mi trova più che d'accordo in ogni singola frase. E' il messaggio che cerco di far passare ogni volta che scrivo qui o sui social.


Claudio Michelizza, invece, fondatore del sito specializzato nello scovare e combattere fake-news, Bufale.net, ha fatto un excursus sulle potenzialità del web, non tanto nel generare ma nell’amplificare le bufale: “Attraverso il web chiunque è in grado in poco tempo e con zero risorse di danneggiare gravemente marchi e produzioni. Il mondo alimentare è ricco di bufale, disinformazione e mal informazione perché è un argomento che fa molta presa dato che coinvolge la sfera emotiva, sociale, la tradizione e l’incontro con altre culture. Sostanzialmente ci sono tre ragioni per cui alcune persone sono spinte a creare e diffondere bufale alimentari: denaro, notorietà e antagonismo. Ognuno di noi deve sviluppare uno sguardo critico e la capacità di riconoscere le bufale per isolarle e evitarne la diffusione così da non alimentare questo mercato delle fake news che, in definitiva, possono avere delle conseguenze molto negative sul sistema produttivo, agroalimentare e commerciale”.

Il mio consiglio è quello di verificare sempre ogni notizia, in ogni campo, non solo su ciò che concerne l'alimentazione. Di fake news ne girano davvero tante, spesso vengono riciclate ogni 6 mesi. Fate attenzione!!!



Infine, Martin Vitaloni, Chef, ha parlato della cucina e delle due anime che vi stanno dietro. Soprattutto per le feste natalizie, le anime si suddividono nella scelta degli ingredienti e nelle persone con cui condividere la tavola, spiegando che la buona cucina non è un fatto esclusivamente gustativo ma anche emotivo. Lo Chef definisce la sua cucina endorfinica, e spiega: “Si tratta di un’idea di cucina che ho costruito con il tempo. Attraverso l’utilizzo di ingredienti della tradizione riattivo la memoria e rievoco con le pietanze emozioni specifiche legate a momenti positivi della vita, per questo cerco di costruire menù ad hoc sulla personalità dei commensali. Mangiare è un atto sociale che sollecita molto la componente psicologica e affettiva, per questo non è importante solo cosa metti nel piatto ma anche la situazione e le persone con il quale viene consumato”.



Non posso che dar ragione a Martin e sperare di provare, prima o poi, la sua cucina "endorfinica".

Per tutte le news sui prossimi incontri vi consiglio di seguire le pagine FB e Twitter messe a disposizione da Bayer Italia.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Metamorphose Concept oggi ci spiega una delle ricette più semplici ma efficaci per condire la pasta fresca, in questo caso l'agnolotto Gran Torino! Quindi che aspettate? Prendete nota e provate! Ricetta dedicata al banco di Michele di San Mauro! ;)

Posted by Pasta & Company on Venerdì 24 luglio 2015