giovedì 30 novembre 2017

SUP YOGA CON SPEEDO E SAMSUNG ALLA VIRGIN ACTIVE KENNEDY DI MILANO



L'incontro fatale della pratica dello yoga con l’oceano è dovuto a Sarah Tiefenthaler, insegnante di yoga californiana, che ha messo a punto il SUP YOGA (stand up paddle), una nuova disciplina dove lo yoga viene praticato sulle tavole da surf. 

Io ho assaporato parte di questa disciplina insieme a Denise Dellagiacoma, insieme a Speedo e Samsung in Virgin Active.


Della collaborazione tra Speedo e Samsung ve ne avevo già parlato qui e della collezione Speedo qui, ma la frase "provare per credere" è sempre tra le mie preferite.

E' bastata una piscina, la super blondie girl Denise ed i capi Speedo per sentirsi trasportate nel magico mondo californiano. 


Il SUP YOGA non è una pratica che va bene per tutti. La tavola da surf su cui si pratica non è stabile e, quindi, richiedi molta forza nel "core" e tanta concentrazione...in mare aperto è ancor peggio perché l'imprevedibilità del movimento delle onde ha bisogno di uno sforzo in più.

Per chi pratica già lo yoga sul tappetino, sappiate che avrete bisogno di una doppia concentrazione, un doppio equilibrio ed un doppio lavoro muscolare.


Sembra nulla, ma l'unica cosa che dovrai fare è "ascoltare" la tavola, per poter distribuire al meglio il peso del corpo, senza cadere in acqua!

Nel SUP YOGA ogni movimento nasce dal "centro"; ecco perché il giusto centraggio sulla tavola è così importante. Tutti i muscoli addominali e lombari sono coinvolti e, quindi, rafforzati. 


L'instabilità data dall’acqua e dalla tavola in constante movimento, mette il fisico a dura prova, proprio a causa della ricerca di equilibrio. Lo sforzo durante l'attività consente di raggiungere uno stato meditativo profondo in maniera costante. 


E se perderete la concentrazione, anche solo per un istante, l'attività benefica del SUP YOGA sarà subito seguita da un rinfrescante tuffo nell’acqua. In tal caso, fatti una risata!!!



Mettetevi alla prova con SUP YOGA, ma non dimenticate l'apparel tecnico Speedo, che non solo vi regalerà subito le Hawaii, ma vi darà libertà di movimento e comfort.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Metamorphose Concept oggi ci spiega una delle ricette più semplici ma efficaci per condire la pasta fresca, in questo caso l'agnolotto Gran Torino! Quindi che aspettate? Prendete nota e provate! Ricetta dedicata al banco di Michele di San Mauro! ;)

Posted by Pasta & Company on Venerdì 24 luglio 2015