giovedì 26 novembre 2015

IL CASALE DELLO SPARVIERO ED I SUOI VINI



I vini del Casale dello Sparviero, azienda che si estende nella parte senese del Chianti Classico, ho avuto modo di apprezzarli durante la presentazione alla stampa lo scorso 11 novembre a Milano.


Siamo stati accolti da Ada Andrighetti, la proprietaria della cantina, nell’affascinante e suggestiva cornice milanese di Al Cortile, Bio Temporary Restaurant creato da Desirèe Nardone, fondatrice e direttrice della scuola di alta cucina professionale Food Genius Academy.

 



Un pomeriggio all'insegna del gusto e del sapere, dove ho avuto la possibilità di degustare le 6 etichette del Casale dello Sparviero in compagnia di esperti sommelier. 


Per l’occasione sono state servite anche alcune tapas gourmet, preparate dagli allievi della Food Genius Accademy, che hanno stuzzicato e deliziato il nostro palato.
 

Innanzitutto, vorrei parlarvi dell'Azienda Casale dello Sparviero, collocata nel paesaggio collinare di Castellina in Chianti, nella parte senese del Chianti Classico, che con i suoi 380 ettari, consta di 90 vigneti situati ad un’altitudine media di circa 250 metri, ritenuta ottimale per la produzione dei grandi vini toscani di qualità.


Il concept dell’azienda è il profondo rispetto della natura, nella paziente e accurata selezione dei vitigni autoctoni toscani (Sangiovese, Canaiolo), nel tenere bassa la resa per ettaro del vigneto, nella simbiosi tra la natura e gli animali del territorio, nel profondo rispetto della vite.


Ciò che rende unico il Casale dello Sparviero è sicuramente il terroir, che determina  la qualità dei suoi vini, a sostegno del detto che “la natura non fa nulla di inutile”.


Non a caso bellissimi esemplari di sparviero, da generazioni, sono soliti nidificare al casale e perciò sono diventati il simbolo fortunato dell’azienda. 



Nelle caratteristiche cantine “a volte” i grandi vini rossi continuano la loro naturale evoluzione riposando in pregiati legni: grandi botti di rovere e moderne barriques francesi.


Lo splendido casale, un  antico monastero risalente al XVII secolo, di proprietà della famiglia Andrighetti, conosciuta per il commercio di legname, inizialmente adibito a seconda casa per le vacanze, ha conquistato l’attuale proprietaria dell’azienda Ada Andrighetti che si è appassionata ardentemente di tutto ciò che riguarda la vinificazione.


La ristrutturazione del casale ha inoltre creato la possibilità realizzare un agriturismo con 6 splendidi appartamenti a vista sulle colline chiantigiane, raggiungibili percorrendo un viale di cipressi lungo 800 metri.


Le vigne, gli ulivi e una splendida piscina sono il complemento d’arredo delle vaste stanze, che danno la possibilità di alloggiare oltre che di visitare le cantine di invecchiamento dell’azienda.



I VINI

DOCG Chianti Classico Riserva Vigna Paronza 2010
L'accurata selezione delle uve provenienti dalla vigna di Paronza dona questo magnifico risultato di vino potente, austero che scalda letteralmente il cuore.



Foto "La Luna sul Cucchiaio"
DOCG Chianti Classico Riserva 2011
Prendete una boccata d'aria di questo vino, riempitevi i polmoni di "lui". Sarà difficile da dimenticare. Un grandioso esempio di classicità con un tocco di eleganza.

DOCG Chianti Classico 2012
Il nome "Classico" indica l'originaria e ristretta zona di produzione di questo vino, soggetto a un disciplinare di produzione particolarmente rigido che lo ha reso un vino italianissimo ed internazionale, dai profumi travolgenti. Un meraviglioso esempio di eleganza disinvolta.




DOCG Chianti Superiore 2014
Un grande Chianti che rispecchia la vocazione di una terra che da centinaia di anni produce questo grande vino rosso italiano

IGT Toscana Rosso dello Sparviero 2014
Si tratta del vino più internazionale che viene prodotto, utilizzando il Cabernet Sauvignon e il Merlot come "partner" ideali per il Sangiovese. La ricchezza e l'intensità al naso vengono mantenute anche al palato, in cui la freschezza e la persistenza sono tra le carte vincenti di questo vino.



Foto robysushi.com
IGT Toscana Sparviero Rosé 2014
Una vera perla ricavata da uve Sangiovese in purezza, un Rosato unico nella sua fragranza e delicatezza.

9 commenti:

  1. Nuova gamma di vini per me. Sembrano davvero di ottima qualità e sinceramente sarei molto curiosa di provarli!

    RispondiElimina
  2. Che posto meraviglioso! E ci credo che hai passato una splendida giornata immersa in questa Natura così tutelata e esaltata nella sua bellezza dalla Signora Andrighetti. Eccellenza pura, tutta italiana, ecco dove e come possiamo fare la differenza

    RispondiElimina
  3. waooo questo casale è davvero bellissimo, molto caratteristico, il vino poi ha un bellissimo colore mi piacerebbe proprio provarlo

    RispondiElimina
  4. Io amo il vino. La degustazione milanese sarà stata bellissima ed interessante. La loro tenuta nel Chianti è incredibile. Una meraviglia della natura! Deduco che i loro vini siano di alta qualità come la natura inconfondibile dei luoghi! Lo dirò ad un amico. Magari prende questi vini per il suo ristorante!

    RispondiElimina
  5. Mi piace il vino ma deve essere di qualità e da quello che leggo questa tenuta propone ottimi prodotti. Foto meravigliose complimenti

    RispondiElimina
  6. Che bel posto, molto da sogno. Se i vini sono tanto buoni com'è bello il posto devono essere super buoni

    RispondiElimina
  7. Quest'azienda agricola è ubicata in un posto meraviglioso, in un posto così non si può che produrre un ottimo vino.

    RispondiElimina
  8. Che luogo incantevole!!! Non amo i vini però sicuramente mio padre vorrebbe provarli!!!

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo il brand ma il posto è da sogno, non mi meraviglio che producono vini eccezionali in questa natura incontaminata, complimenti all'azienda

    RispondiElimina

Thank you so much for this comment. Stay tuned and see you!!
Roberta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Metamorphose Concept oggi ci spiega una delle ricette più semplici ma efficaci per condire la pasta fresca, in questo caso l'agnolotto Gran Torino! Quindi che aspettate? Prendete nota e provate! Ricetta dedicata al banco di Michele di San Mauro! ;)

Posted by Pasta & Company on Venerdì 24 luglio 2015