martedì 7 luglio 2015

#CINQUEBLOGGERALSUD PARTE 2 - IL PRIMO GIORNO NON SI SCORDA MAI

Scorsa settimana vi ho dato un piccolo assaggio del blog tour che mi ha vista protagonista insieme a Chiara, Federica, Maria Giovanna e Cristina parlandovi qui della splendida struttura Torre Sant'Antonio dove abbiamo alloggiato. Oggi vorrei raccontarvi dei giorni trascorsi a Santa Caterina dello Ionio cominciando dal mio arrivo all'aeroporto di Lamezia Terme, aeroporto più vicino. Lì mi aspettava una fiammante auto d'epoca, la Fiat 500 guidata da Emilio (multiproprietario di auto e moto d'epoca), che mi ha diligentemente accompagnata a destinazione. 


Il viaggio è stato coinvolgente e mi ha trascinata in una dimensione che ormai non ricordavo da tempo. 

Dopo aver preso possesso dei miei appartamenti e ritrovata con le altre blogger, l'intero staff ci ha invitate nel giardino di Torre Sant'Antonio per un apericena a base di prodotti tipici autoctoni. 


Ph. Federica Soletti

Ph. Federica Soletti

Come molti di voi sapranno già, la Calabria è una regione ricca di prodotti tipici di qualità o d'eccellenza alimentare e di tradizioni eno-gastronomiche, grazie ai vari popoli ( Greci, Romani, Normanni, Arabi, Angioini,Borboni, Spagnoli, Francesi ) che hanno vissuto in questa estrema regione della penisola italiana.

Insomma, tra un buon bicchiere di vino e dell'ottimo cibo, abbiamo avuto modo di presentarci a tutti gli operatori, scambiando quattro chiacchiere insieme, conoscendoci per poi dirci "Arrivederci a domani".

Si, perché il giorno successivo ci ha viste impegnate in una giornata alquanto particolare. Ci siamo ritrovate tutte al chiosco nel giardino di Torre Sant'Antonio per una colazione genuina: cappuccino, cornetto e tanta frutta per un ottimo risveglio.



Finita la colazione, raggiungiamo l'Agriturismo La Sena dove ci aspettano dei teneri cavalli da domare. Diligentemente scelgo il mio cavallo e con molta pazienza prendo familiarità e confidenza. Non andavo a cavallo da circa 20 anni e la "paura" si è fatta viva. 

Ma sono stata tranquillizzata da Adriano e le sue meravigliose figlie Nadia ed Erica affidandomi alle grazie di Sacura, uno splendido esemplare di Anglo Arabo. Come indica il nome, questa razza deriva dall’incrocio tra Purosangue Inglese con Purosangue Arabo, racchiudendo in sé l’anima delle due razze più famose al mondo. 


L'anglo-arabo la considero una perfetta combinazione perché unisce la velocità del Purosangue Inglese alla resistenza del Purosangue Arabo. Sacura è un cavallo molto intelligente, docile e ubbidiente.





E' stato un rapporto entusiasmante. Abbiamo imparato a conoscerci e a volerci bene trasformando una semplice passeggiata in qualcosa di più avventuroso tra le campagne calabre. Tra un'andatura a passo ed una al trotto, mi sono lanciata in qualche galoppo da brivido. Un'avventura unica ed intensa. Abbiamo percorso un primo tratto (1 ora e mezza circa) fino al casale di caccia della famiglia Badolato (in località Zoccolà) che sovrasta la vallata. 



Ph. Federica Soletti


Ph. Federica Soletti

La vista era incredibile ed è stata l'occasione per una piccola sosta ed un mini ristoro a base di centrifughe e gustosi succhi, prima di riprendere la nostra passeggiata fino al Borgo di Santa Caterina dello Ionio, un piccolo villaggio cinto da mura difensive, nelle quali si aprivano quattro porte, di cui una sola - la "Porta dell'acqua" - è ancora possibile ammirare.





Appena arrivati siamo subito state accolte dalla gente del luogo che, curiosamente, chiedeva che cosa facessimo lì e ciò che, secondo loro, era doveroso vedere nel Borgo di Santa Caterina dello Ionio. 


Così ci lanciamo alla scoperta del Borgo passando subito per il Vicolo più Stretto d'Italia. Ebbene si, si trova proprio a Santa Caterina dello Ionio.




Dopo siamo andati presso il Catojo di Franco Leto che ci ha fatto trovare una stupenda tavola imbandita piena di prodotti tipici autoctoni. 

Ma voi vi chiederete, cosa è un Catojo? E' un tipico locale dove venivano conservati e consumati i cibi autoctoni. Come vi ho anticipato, le famiglie calabresi hanno una cultura alimentare prevalentemente autosufficiente: producono internamente i loro prodotti per poi consumarli. 


Ph. Federica Soletti


Il Catojo è un luogo fresco, dai profumi intensi, dal cibo e dal vino ottimo, un ritrovo dove le occasioni non mancano mai. Pensate che durante le festività natalizie e/o per i festeggiamenti della patrona Santa Caterinai Catoi del Borgo vengono aperti per accogliere i visitatori. Tutti saranno pronti a deliziarvi e a farvi gustare i prodotti che il territorio offre.

Qui abbiamo avuto il piacere di mangiare e bere del buon vino in piacevole compagnia e di ascoltare la storia e gli aneddoti del luogo raccontate dal Prof. Salvatore Marino. 

Ci ha raccontato che la data di fondazione del Borgo di Santa Caterina dello Ionio è incerta: di sicuro risale a prima dell'anno 1000, perché a causa degli assalti dei Saraceni, gli abitanti dei vari villaggi si rifugiarono in luoghi isolati della zona, scegliendo il poggio sul quale oggi sorge Santa Caterina dello Ionio, situata a quasi 500 m di altezza sul livello del mare, a circa 7 Km dalla marina. 

Tra tante vicissitudini susseguite, varie dominazioni, nel 1983 uno spaventoso incendio inflisse il "colpo mortale" a questo borgo davvero speciale, pieno di magia, tradizioni e  ricchezza. 

Dopo aver mangiato, bevuto ed ascoltato ci spostiamo verso un altro catojo, quello di Lele Pilato, passando per le strette vie del paese dove troviamo Rina che fila la lana come da tradizione.


Anche al catojo di Lele si mangia e si beve e si sposa la "tarantella". Un modo speciale per arricchire il nostro tour. Con i tipici costumi, uomini, donne e bambini del paese ci hanno accolto con una delle tradizioni più popolari, una danza per le occasioni festive. Quale miglior occasione per sfoggiare il loro repertorio? E come potete vedere ci siamo divertite anche a noi.


Lele ha voluto farci gustare un buon piatto di pasta all'aglio ed olio al profumo di alici. Certo, un tocco di peperoncino avrebbe reso il piatto davvero unico, ma chi sarebbe rimasto vivo? Il peperoncino di quella zona (quello di Soverato) è un vero e proprio toccasana. Assolutamente da provare!


Con la tarantella il cibo è stato digerito in modo impeccabile, il vino è andato giù a meraviglia e così si decide di cambiare meta. Un altro catojo ci attendeva e noi eravamo curiose di scoprirlo.  


Ph. Federica Soletti

Grazie ai mezzi tecnologici ed iper moderni che si possono utilizzare in queste strette vie, l'ape car di Agostino Fabio, ci siamo dirette verso il Catojo di Rosella e Giuseppe, dove abbiamo avuto modo di conoscere un artista incredibile, Domenico Guarna.





Anche qui la tarantella è stata protagonista, per le vie del borgo accompagnandoci con i costumi tipici della tradizione "tarantellesca". Il ritmo sempre più incalzante e divertente ci ha fatto vivere momenti indimenticabili.







Il catojo di Rosella e Giuseppe è meno rustico degli altri. Loro tengono molto alla cura e alla rivalutazione di questi catoi e devo dire che ci riescono alla grande. Il loro catojo è molto raffinato senza lasciare nulla al caso. 





Al Catojo di Rosella e Giuseppe una ricca tavola imbandita ci attendeva. 





Specialità calabre come il pane casareccio bagnato con i pomodori, ricetta di cui Rosella va fiera, accompagnate da mandorle, ricotta squisita, gli immancabili salumi e, ovviamente il pane con la 'ndujaalimento tipicamente calabrese, preparata con le parti grasse del maiale, con l'aggiunta del peperoncino piccante calabrese, insaccata nel budello, per poi essere affumicata.

Prima di finire il giro dei Catoi, facciamo un salto in un luogo incantato con una vista mozzafiato. Anche quì nulla è lasciato al caso. Tanti i particolari accattivanti.





Dopo questo belvedere eravamo attese per il caffè. No, tranquilli. Nella moka mettono l'acqua non il vino. L'ultimo Catojo è quello di Zì Mico e Rosa (i genitori di Rosella). 







Un Catojo più rustico di quello precedente dove abbiamo avuto l'occasione di vedere come si intreccia l'aglio e come vengono fatte le ceste, dalle sapienti mani di Rosa.





Il giro dei Catoi si è concluso ma resta ancora qualcosa da vedere nel Borgo di Santa Caterina dello Ionio, come ad esempio la Chiesa di Santa Caterina, Patrona del paese. 



Questa splendida chiesa del XVII secolo di forma a croce latina a tre navate è stata eretta dal popolo sul punto in cui apparve la Santa Patrona ai saraceni, scacciandoli dal paese. 


La Chiesa di Santa Caterina è stata recentemente ricostruita dopo l'incendio che coinvolse l'intero paese nel 1983. Dalla Torre della Chiesa di Santa Caterina la vista è magnifica.



Il nostro giro continua. Ultima tappa Il B&B "La Perla del Borgo" (di cui presto vi parlerò) dove Laura Fontana ci ha deliziato vista e palato con un aperitivo a base di "pitta", pomodoro e ricotta, miele e marmellate, dolci squisitamente fatti in casa e frutta fresca (ciliegie, melone, gelsi). 



Atmosfera da brividi con il sottofondo musicale, del buon prosecco e le candele sparse (come piace a me) per tutto il B&B e sul terrazzo (dove era stato allestito il rinfresco), creando un ambiente caldo ed accogliente e godendoci anche un tramonto spettacolare sul Borgo di Santa Caterina dello Ionio. Che dire? La pace dei sensi.



Ph. Federica Soletti

 Ph. Federica Soletti

Ph. Federica Soletti

Santa Caterina dello Ionio è un borgo che ha voglia di raccontare la propria storia. Per capire le emozioni che suscita l'unica soluzione è vivere il Borgo in modo intenso e coinvolgente.

E comunque un altro giro a cavallo lo farei volentieri...ma su questooooooo. Ahahahahahha!



Se vi siete persi la prima parte del blog tour #CinqueBloggerAlSud andate qui e non perdetevi le prossime puntate. C'è ancora tanto da raccontarvi sui 5 giorni a Santa Caterina dello Ionio. Presto vi dirò anche dove poter gustare ottimi piatti a base di pesce, ma non solo.

19 commenti:

  1. deve essere stata una bellissima esperienza;)un bacione

    RispondiElimina
  2. La tua descrizione è coinvolgente. Sto ancora valutando le mie prossime mete e Santa Caterina sarà una di queste. La passeggiata a cavallo, il buon cibo, i catoi sono meravigliosi, la chiesa madre deliziosa, la gente ride sempre, la cultura e la tradizione dei luoghi che visito la preferisco anche al mare stupendo che hanno. Complimenti! Attenderò tutti i tuoi racconti!

    RispondiElimina
  3. Un posto fantastico e che vacanza ragazzi: oltre ad essere brava a scrivere sei un fenomeno anche a fare foto: complimenti Roberta una vera blogger/reporter

    RispondiElimina
  4. foto stupende che rendono perfettamente l'idea dell'atmosfera, molto accogliente e coinvolgente! che bella la 500 , e i cavalli poi...stupendi!

    RispondiElimina
  5. Che bella l'esperienza che hai vissuto!
    Alessia
    THECHILICOOL

    RispondiElimina
  6. proprio una bella esperienza, fantastica la passeggiata a cavallo! il cibo sembra buonissimo!
    Alessandra

    RispondiElimina
  7. Wow Roberta sono stupende queste foto.....

    RispondiElimina
  8. Ma che bell'esperienza :D
    <a href="http://bit.ly/CostumiDaBagno2015GiftBuzz>Armoire de Mode - Fashion Blog</a>

    RispondiElimina
  9. adoro questo genere di situazioni! i cavalli poi...xoxo rita talks

    RispondiElimina
  10. bellissimo il poste e bella la foto che sei sul cavallo!

    RispondiElimina
  11. Sei stata così brava a raccontare anche in questo post, ma già le immagini parlano da sole! Ottimo reportage ora è solo il momento di prenotare per andare a scoprire e vivere di persona questi posti!

    RispondiElimina
  12. Che belle foto!!
    Lucia
    www.legallychic.org

    RispondiElimina
  13. sto seguendo con piacere questi racconti dell'esperienza vissuta visto che conosco bene la Calabria e la sua cultura trascorrendo le vacanze estive in questa terra da 20 anni! bellissime foto!

    RispondiElimina
  14. che foto che hai messo, bella la 500 i cavalli che adoro e le more!

    RispondiElimina
  15. Un posto magico che voglio conoscere.

    RispondiElimina
  16. siamo state davvero benissimo un'esperienza da ripetere e tu sei riuscita a descrivere benissimo la fantastica giornata trascorsa
    baci
    I LOVE SHOPPING

    RispondiElimina

Thank you so much for this comment. Stay tuned and see you!!
Roberta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Metamorphose Concept oggi ci spiega una delle ricette più semplici ma efficaci per condire la pasta fresca, in questo caso l'agnolotto Gran Torino! Quindi che aspettate? Prendete nota e provate! Ricetta dedicata al banco di Michele di San Mauro! ;)

Posted by Pasta & Company on Venerdì 24 luglio 2015