lunedì 4 maggio 2015

LA STORIA DELLA CELEBRE BOTTIGLIA CONTOUR COCA COLA CHE CELEBRA IL 100° ANNIVERSARIO



Tra le silhouette più famose al mondo spicca tra tutte quella della bottiglia contour di Coca-Cola. Famosa per essere un classico del design e definita da Raymond Loewy, noto designer industriale, come "la bottiglia perfetta", è stata celebrata in arte, musica e pubblicità. Quando Andy Warhol era alla ricerca di una forma rappresentativa della cultura di massa, disegnò questa bottiglia. Ma la storia di questa iconica bottiglia è lunga, ma ve la voglio raccontare. Siete pronti?

Tutto è iniziato dalla volontà di proteggere il marchio Coca-Cola, un progetto collettivo di The Coca-Cola Company insieme ai suoi imbottigliatoriNel 1899, due avvocati di Chattanooga, Joseph Whitehead e Benjamin Thomas, si recarono ad Atlanta per negoziare i diritti della bottiglia Coca-Cola. Fino a quel momento, da 13 anni, Coca-Cola era una bevanda venduta al bicchiere, che stava diventando sempre più popolare, passando da una media di nove bicchieri venduti al giorno nel 1886 alla diffusione in ogni stato degli USA nel 1900. L'intenzione di Thomas e Whitehead era quella di sfruttare la popolarità della bevanda imbottigliandola, in modo che potesse essere consumata al di fuori delle quattro mura di un chiosco.

Il contratto che i due firmarono riguardava la distribuzione geografica e The Coca-Cola Bottling Company iniziò a concedere in esclusiva i diritti ad imbottigliare la Coca-Cola in diverse città degli Stati Uniti. Nel 1920 si sono sviluppate oltre 1200 linee di imbottigliamento. Le vendite sia al bicchiere che in bottiglia aumentarono sempre di più e questa popolarità portò decine di concorrenti a cercare di imitare il celebre marchio Coca-Cola per indurre i consumatori ad acquistare i loro drink.

Le bottiglie utilizzate al tempo erano semplici bottiglie dalla forma dritta e con tappo in metallo, generalmente di colore marrone o trasparenti. 



The Coca-Cola Company aveva chiesto agli imbottigliatori di incidere il famoso logo Coca-Cola su ogni bottiglia. Tuttavia, brand concorrenti come Koka-Nola, Toka-Cola e anche Koke copiarono o semplicemente modificarono leggermente la tipica scritta in corsivo del logo. Queste bottiglie prodotte da concorrenti iniziarono a generare confusione tra i consumatori. Mentre The Coca-Cola Company intraprendeva azioni legali contro queste violazioni, le cause spesso richiedevano anni e gli imbottigliatori chiedevano costantemente maggiore protezione. 



Come primo passo per aiutare gli imbottigliatori, nel 1906, The Coca-Cola Company introdusse un’etichetta a forma di diamante con un marchio colorato per distinguersi dai concorrenti. Purtroppo, le bottiglie Coca-Cola venivano spesso tenute al fresco in barili di acqua ghiacciata e ciò comportava lo staccarsi della stessa. Alcuni concorrenti come Koca-Nola cercarono di imitare persino l’etichetta.

Nel 1912, The Coca-Cola Bottling Company propose che tutti i membri unissero le forze per sviluppare un "packaging distintivo" per il loro prodotto, una bottiglia speciale. Nel 1914, l'avvocato Harold Hirsch lanciò un appassionato appello alla comunità di imbottigliatori affinché utilizzassero un unico packaging inconfondibile.

Il 26 aprile 1915, gli amministratori della Coca-Cola Bottling Association votarono a favore di una spesa di 500 dollari per sviluppare una nuova bottiglia Coca-Cola. Così, otto aziende di lavorazione del vetro su 10 in tutti gli Stati Uniti furono invitate a ideare una "bottiglia dai tratti così distintivi da poter essere riconosciuta a occhi chiusi o addirittura se frantumata a terra”. Con questo semplice brief creativo iniziava la gara.

A Terre Haute, in Indiana, la Root Glass Company iniziò a lavorare al progetto. Il team Root era composto da C.J. e William Root, Alexander Samuelson, Earl Dean e Clyde Edwards. Samuelson, un immigrato svedese che era anche il caposquadra, mandò Dean ed Edwards alla biblioteca locale per effettuare ricerche sui possibili design. Quando il team si imbatté in un’illustrazione della fava di cacao, allungata e con scanalature ai fianchi, decise che quella era la forma adatta. Il team sviluppò il concept della bottiglia, Dean disegnò con cura su carta di lino la forma e, sotto la direzione di Samuelson, fu realizzato qualche campione.

La Root Glass Company richiese il brevetto sotto il nome di Samuelson, brevetto che fu concesso il 16 novembre 1915. E' interessante notare come il brevetto non fu presentato a nome della Coca-Cola. Questo per garantire riservatezza sul disegno e sul cliente finale.



Nei primi mesi del 1916, un comitato composto da imbottigliatori e funzionari della Società si riunì per scegliere la nuova forma della bottiglia. A vincere su tutti fu la versione proposta dalla Root Glass Company, con cui The Coca-Cola Company siglò un accordo per concedere a sei società di lavorazione del vetro negli Stati Uniti i diritti ad utilizzare la nuova bottiglia. 

Il contratto prevedeva che il colore delle bottiglie fosse verde, che fu poi denominato “Georgia Green” (verde Georgia) in omaggio allo stato d'origine di The Coca-Cola Company. Si richiedeva anche di marchiare sul fondo della bottiglia i nomi delle città dove la Coca-Cola veniva imbottigliata. Il peso del vuoto non doveva essere inferiore ai 400 grammi, che una volta riempito con 33 ml di Coca-Cola significava che ogni bottiglia pesava all’incirca mezzo chilo!

L'azienda iniziò anche una campagna attraverso la pubblicità nazionale in cui si presentava l'esclusiva bottiglia. Nel 1918 apparve anche il calendario nazionale con la bottiglia

Nel 1923 fu rinnovato il brevetto. L'ufficio brevetti era solito rilasciarli il martedì di ogni settimana. Il brevetto del 1923 fu rilasciato il 25 dicembre, che quell'anno cadeva proprio di martedì! Di conseguenza, la bottiglia iniziò a portare la data 25 dicembre 1923, tanto che fu subito soprannominata la "Bottiglia di Natale." 

Con il diffondersi dei frigoriferi nelle case (1923), viene introdotta la confezione da sei bottiglie per invogliare i consumatori a godersi Coca-Cola a casa propria.

Nel 1941 centinaia di uomini e donne americani vengono inviati in Europa. La nazione e la Coca-Cola li seguono a ruota. L’allora Presidente Robert Woodruff ordina che “ogni uomo in uniforme possa comprare una Coca-Cola a 5 centesimi, ovunque sia, e a qualunque costo per l’azienda.” La sua vision era quella che la Coca-Cola fosse “a portata” di desiderio di ognuno. 


I brevetti scadono dopo 14 anni e nel 1951 (dopo un rinnovo nel 1937) tutti i brevetti erano scaduti. L'ufficio brevetti riconobbe che la forma della bottiglia, "la silhouette così distintiva" era ormai così conosciuta che meritava essa stessa lo status di marchio registrato, riconoscimento non comune per un packaging. 


Il 12 aprile 1961, alla bottiglia Coca-Cola viene riconosciuto il Trademark, anche in seguito a uno studio del 1949 che indicava che quasi il 99% degli americani era in grado di riconoscere la bottiglia di Coca-Cola semplicemente dalla sua forma.

Ora conoscete come è nata la bottiglia, ma come ha fatto a permeare la cultura nel corso degli anni?

La bottiglia Coca-Cola è stata chiamata in maniera differente nel corso degli anni. Uno dei soprannomi più interessanti è "hobbleskirt" o "gonna a tubino". La moda della gonna lunga a tubino era una tendenza in voga durante gli anni 10 del '900, in cui la forma diventa molto affusolata e così stretta sotto le ginocchia da far "zoppicare" chi la indossava. La bottiglia è stata chiamata anche la bottiglia "Mae West" in onore delle sinuose forme dell'attrice. Il primo riferimento alla bottiglia come "contour bottle" apparve su Le Monde nel 1925. 

Una delle cose interessanti riguardo alla forma della bottiglia è che se da una parte è riconosciuta quasi universalmente, dall’altra si è anche evoluta nel corso degli anni. La bottiglia originalmente brevettata nel 1915 aveva una forma leggermente più bombata, la bottiglia di alluminio di oggi è, invece, un'evoluzione del XXII secolo del design classico.

Se Andy Warhol è l'artista più conosciuto ad aver usato nelle sue opere la bottiglia di Coca-Cola, il primo artista pop ad immortalarla in un dipinto fu Salvador Dalì, nel suo quadro Poetry of America, nel 1913. Successivamente, anche l’artista Sir Eduardo Paolozzi utilizzò la sagoma della bottiglia alla fine del 1940. Robert Rauschenberg utilizzò delle bottiglie di Coca-Cola nella sua scultura del 1957, Coca-Cola Plan. Tuttavia, fu l'utilizzo da parte di Warhol della bottiglia nel suo show del 1962 "The Grocery Store" a cementare il movimento della "pop art" e ad eleggere la bottiglia come uno dei soggetti preferiti per successive generazioni di artisti. 

Anche oggi, che celebriamo i 100 anni dalla sua nascita, la bottiglia Coca-Cola è la forma perfetta per chiunque voglia godersi una bella Coca-Cola ghiacciata.


In 100 anni, milioni di persone hanno “baciato” la bottiglia Coca-Cola. Sicuramente anche voi. Siamo tutti in buona compagnia. Marilyn MonroeElvis PresleyRay Charles: molte star sono state immortalate insieme alla mitica bottiglia “contour”, in un gesto che li accomuna e li avvicina a milioni di individui “normali”, attraverso le generazioni.



Su questa idea si basa la nuova campagna di Coca-Cola “Bacia la felicità”, con cui festeggia in tutto il mondo i primi 100 anni della mitica bottiglia, prendendo ispirazione da una citazione di Andy Warhol per sottolineare il ruolo ispiratore che Coca-Cola ha avuto nei film, nella musica e nella storia del costume, ma soprattutto la sua capacità di unire le persone.


Dal caratteristico e piacevole rumore della bottiglia che viene stappata, al momento in cui le labbra “baciano” la bottiglia ghiacciata, tutti noi, non importa quanto famosi o quanto distanti, abbiamo condiviso la stessa esperienza di felicità.

Continua a condividerla con Coca-cola, oggi più che mai, con l’hashtag #bacialafelicità

28 commenti:

  1. wow che bello questo post, grazie mille, non sapevo tutte queste cose sulla storia della bottiglia della Coca Cola!!!!:) baciiiii

    RispondiElimina
  2. Che bello questo post, le bottiglie della cova cola prima le collezionavo....uniche.

    RispondiElimina
  3. adoro queste bottiglie di coca cola!

    RispondiElimina
  4. Ma sai che non conoscevo la storia della bottiglia in vetro? Interessante sapere questi dettagli. E tanti auguri per i suoi 100 anni.

    RispondiElimina
  5. già 100 anni, eppure è ancora attualissima! non conoscevo la storia della bottiglia, grazie di avercela raccontata!stupende le pubblicità con elvis, marilyn and ray charles!

    RispondiElimina
  6. Io adoro la Coca-Cola :) E trovo questo post molto interessante ;D

    RispondiElimina
  7. auguri coca cola! meno male che ti hanno inventata anche light :) xoxo rita talks

    RispondiElimina
  8. E' sempre molto interessante sapere la storia di un qualsiasi brand e questa della Coca Cola è bellissima!
    http://www.beautyandnail.blogspot.it/
    Marta

    RispondiElimina
  9. io sono patita del vintage, stupendo questo viaggio nella storia di un brand cult ancora oggi!

    RispondiElimina
  10. Non conoscevo queste cose sai? E sì che sono una grande bevitrice di coca-cola!

    www.larmadiodivenere.com

    RispondiElimina
  11. Bellissimo post. Alcune forme delle bottigliette Coca-Cola non le conoscevo!

    RispondiElimina
  12. La coca-cola...una droga :D

    Giada, blogger of Being Over the Moon

    RispondiElimina
  13. che bello sapere la storia della Coca Cola!!! Bellissimo post :-) A smile please

    RispondiElimina
  14. una bellissima storia questa legata alla bottiglia, mi piace sempre l'idea di scavare un po' più a fondo dentro un marchio per conoscerne tutte le curiosità... e chi lo sapeva che la forma fosse stata ripresa dalla fava del cacao??

    Lo stile di Artemide

    RispondiElimina
  15. conoscevo già la storia della bottiglia di coca cola, entusiasmante!!
    MODEMOISELLE.IT

    RispondiElimina
  16. che bella storia non la conoscevo! Io non bevo Coca Cola ma le bottiglie le adoro!
    Alessandra

    RispondiElimina
  17. da vero fan della Coke devo ammettere che HO AMATO questo post
    davvero bello
    xoxo

    RispondiElimina
  18. Ma che bello questo post sulla Coca Cola.... sei bravissima Roberta!!!

    RispondiElimina
  19. un post molto interessante adoro Coca Cola!

    RispondiElimina
  20. bellissime queste bottiglie di cocacola

    RispondiElimina

Thank you so much for this comment. Stay tuned and see you!!
Roberta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Metamorphose Concept oggi ci spiega una delle ricette più semplici ma efficaci per condire la pasta fresca, in questo caso l'agnolotto Gran Torino! Quindi che aspettate? Prendete nota e provate! Ricetta dedicata al banco di Michele di San Mauro! ;)

Posted by Pasta & Company on Venerdì 24 luglio 2015