sabato 7 febbraio 2015

CHIACCHIERE DI CARNEVALE GLUTEN FREE


Il Carnevale sta per arrivare ed insieme a questa festa si materializzano le tanto amate chiacchiere. No, non sto parlando delle chiacchiere tra amici, ma di quella gustosa ricetta che la tradizione italiana ci offre. Una festa amata da grandi e piccini che amiamo trascorrere e gustare in compagnia tra maschere e coriandoli.
Le chiacchiere sono chiamate con nomi diversi a seconda delle regioni di provenienza: chiacchiere e lattughe in Lombardia, cenci e donzelle in Toscana, frappe e sfrappole in Emilia, cròstoli in Trentino, galani e gale in Veneto, bugie in Piemonte, così come rosoni, lasagne, pampuglie, ecc.. 
E se nella compagnia c’è qualcuno di intollerante al glutine? Che si fa? Solitamente scoppia il panico, ma niente paura.
La ricetta delle chiacchiere gluten free è adatta a tutti, celiaci e non.
Semplicissime da preparare, fritte o cotte al forno, le chiacchiere senza glutine non faranno rimpiangere quelle tradizionali. Perché privarsi di uno dei dolci più celebri e amati del Carnevale?


Anche le chiacchiere senza glutine possono essere preparate con il robot da cucina KitchenAid. Infatti, con una semplicità incredibile, possiamo versare tutti gli ingredienti e azionare il robot da cucina, fino a ottenere un impasto piuttosto morbido e "lavorabile". Se l'impasto è troppo morbido, potete correggere aggiungendo un po’ di farina. 


Se preferiamo un po’ di leggerezza in più, possiamo preparare le chiacchiere senza glutine al forno: 180° C, 15-20 minuti (fino a doratura). Niente di più semplice!
Ma vediamo la ricetta completa.

INGREDIENTI

- 300 grammi farina Mix Dolci Schar (ve ne ho parlato qui)

- 60 grammi zucchero

- 25 grammi burro o margarina

- 2 uova

- 1 bustina lievito per dolci senza glutine

- 1/2 bicchierino liquore (es. Martini Bianco)

- olio per frittura

- zucchero a velo

PREPARAZIONE

In una terrina setacciamo farina, zucchero e lievito. Facciamo una fontana e al centro versiamo le uova ed il liquore, oppure versiamo gli ingredienti all'interno del nostro robot da cucinaImpastiamo. 

Aggiungiamo il burro morbido e impastiamo ancora. Facciamo una palla e lasciamo riposare l’impasto per mezz'oretta avvolto nella pellicola.

Riprendiamo l’impasto e stendiamolo con un matterello. Pieghiamo in quattro e stendiamo ancora per 3 o 4 volte. Oppure stendete con il tirapasta del vostro robot da cucina fino ad ottenere uno spessore di circa 2mm.

Ottenuta una sfoglia sottile, lasciate riposare qualche minuto la sfoglia tirata e nel frattempo portate l’olio alla temperatura di 170-180°Con una rotella a taglio smerlato ricaviamone delle listarelle (3-4 cm x 10 cm)praticando su ognuno due tagli centrali, paralleli al lato lungo.

Dopo aver portato a temperatura l'olio, immergete 2/3 chiacchiere alla volta con l'aiuto di una schiumarola, facciamole ben dorare sui due lati. Successivamente mettetele ad asciugare su carta assorbente.

Quando le nostre chiacchiere senza glutine si saranno intiepidite, spolveriamo con abbondante zucchero a velo

CONSERVAZIONE
Consumate le chiacchiere appena pronte ma, se volete, potete conservarle per 2-3 giorni in un sacchetto di carta.

CURIOSITA'
Le chiacchiere hanno un’antichissima tradizione che probabilmente risale a quella delle frictilia, dolci fritti nel grasso di maiale che nell'antica Roma venivano preparati proprio durante il periodo di Carnevale; questi dolci venivano prodotti in gran quantità poiché dovevano durare per tutto il periodo della Quaresima.

Buon Carnevale!

5 commenti:

  1. Amo le chiacchiere, mi riportano alla mia nonna quando tirava la sfoglia e ne preparava a vagonate!!!
    Interessante questa nuova versione gluten free, certamente da provare. Grazie per la ricetta,
    la passo anche ad un' amica che soffre di intolleranza.

    RispondiElimina
  2. Sono uno dei miei dolci preferiti già ne ho mangiate tantissime

    RispondiElimina
  3. voglio comprare il robot, rende tutto più semplice! seguirò la tua ricetta, ottima idea per chi non può mangiare glutine!

    RispondiElimina
  4. a genova si chiamano bugie e io le amo

    RispondiElimina

Thank you so much for this comment. Stay tuned and see you!!
Roberta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Metamorphose Concept oggi ci spiega una delle ricette più semplici ma efficaci per condire la pasta fresca, in questo caso l'agnolotto Gran Torino! Quindi che aspettate? Prendete nota e provate! Ricetta dedicata al banco di Michele di San Mauro! ;)

Posted by Pasta & Company on Venerdì 24 luglio 2015