giovedì 22 gennaio 2015

VITUSSI BAGS - SCRIGNI D'AUTORE



La collezione di borse del brand siciliano Vitussi Bags ha ormai catturato l’attenzione di una innumerevole clientela per la loro dirompente originalità celebrando la selvaggia ed autentica Sicilia (la mia Terra natìa) con sottile eccentricità. 

“È giunto il momento di allontanarsi dal concetto tradizionale di borsa come porta oggetti. É la borsa stessa che diventa il fine ultimo del suo essere. Essa può anche racchiudere qualcosa ma è nata per essere portata, per diventare l’oggetto di attenzione, di ammirazione, per essere una espressione artistica, capace di suscitare emozioni” dice Vito Petrotta Reyes. “È per questa ragione che le borse Vitussi sono destinate esclusivamente ad una “donna elegante ed ironica” che, con il suo carattere forte, possa reggere gli sguardi e compiacersi del suo acquisto”.

Le creazioni Vitussi nascono a Mondello, piccolo borgo marinaro sulla spiaggia di Palermo, nel vecchio laboratorio di Vito Petrotta Reyes.
Moderno interprete di un’antica tradizione artistica di famiglia che parte dal trisavolo Gustave Eugène Chauffourier, viaggiatore e famoso fotografo di fine ’800, Vitussi cresce tra i colori e l’odore della creta del laboratorio di ceramica della nonna Linda Chauffourier e in mezzo alle tele dello studio di pittura della madre Fulvia Reyes. Dopo tanti anni dedicati ad altre attività, in giro per il mondo, Vitussi decide di tornare a Palermo, in quello spazio che è stato il suo mondo magico, un luogo senza tempo dove tutto è possibile.
Il marchio Vitussi dà vita inizialmente alla Collezione del Sultanato di Abali, una collezione di capispalla, lussuosa e ironica, fatta con meravigliosi tessuti di arredamento che diventano magicamente cappotti, giacche, gilet…



E dopo la collezione di abiti, la riscoperta del vecchio laboratorio di famiglia che dopo molti anni di inattività, viene trasformato in officina creativa.
Qui prendono corpo i progetti, il metallo delle cornici viene forgiato a fuoco e modellato, le pelli e i materiali in ficodindia tagliati, assemblati, cuciti e avvitati, fino alla nascita delle borse della collezione Vitussi.
Vitussi definisce la sua collezione “senza tempo”, per sottolineare la lontananza dalle logiche commerciali dove tutto deve cambiare in fretta per inseguire il mercato.

L’obiettivo è di creare un prodotto di nicchia, che abbia un’anima, eccellente sotto tutti i suoi aspetti, dove design e lavorazione artigianale, insieme alla ricerca di nuovi materiali possano ritrovarsi in una sintesi perfetta.
Questo giovane marchio italiano crea borse che esaltano la femminilità in modo unico e prezioso. La lavorazione dei metalli, ottone, argento e oro, tipica delle botteghe artigianali palermitane, è  rivisitata e impreziosita in chiave artistica e moderna, in base ad un nuovo concept. 
La sfavillante struttura dello scrigno, apparentemente fredda,  è “scaldata”  dalla pelle di cavallino, traforato retrò o unito a pois, che ne esalta le linee  con sofisticata eleganza.
Un altro materiale usato da Vitussi è il ficodindia resinato e colorato che diventa materiale ricercato dalle preziose venature, ricavato dalla trasformazione delle pale di ficodindia, dalle quali viene estratta la retina di fibra legnosa che regge la pianta. Dopo averla pulita, sovrapposta, resinata e talvolta colorata, essa diventa uno dei principali materiali per la realizzazione delle borse, unico per la sua naturale eleganza, trasparenza e resistenza.

Al ficodindia, simbolo di una Sicilia dalla natura selvaggia e dalla tradizione antica, sono stati affiancati anche vari tipi di pelle dipinta e traforata a laser, insieme all’ottone, all’oro, al plexiglas e alla resina per costruire i manici.


Ferri da stiro d’epoca in formato mignon, filo spinato, rubinetti ricoperti d’oro e piccoli cilindri trasparenti contenenti champagne, bolle di lava vulcanica o polvere d’oro: pezzi d’autore non solo per le  forme e l’uso di materiali ma anche per la scelta dei colori decisi, dal verde acido, al rosso fuoco, dall’arancione, all’azzurro fino al pois nero su giallo che crea il contrasto bicolor.



I preziosi scrigni con interni con ricamo personalizzato Vitussi fanno innamorare al primo sguardo grazie alle infinite varianti di materiali, forme, texture e preziosi dettagli per un unico, personale, divertente, accattivante gioco che esalta la propria personalità.

23 commenti:

  1. no ma quanto sono belli e fini?!? *_*

    RispondiElimina
  2. no vabbè non conoscevo questo brand, una meraviglia, ho gli occhi a cuoricino!:) baciii

    RispondiElimina
  3. Ma sono stupende. Originali. Voglio guardarmi il sito. Complimenti

    RispondiElimina
  4. li trovo stupendi, fiabeschi direi, da mille e una notte!!

    RispondiElimina
  5. quella con il rubinetto è geniale!

    RispondiElimina
  6. Molto particolare sono proprio d'elite

    RispondiElimina
  7. non conoscevo assolutamente questo brand davvero originale

    RispondiElimina
  8. Stupendi questi bauletti! Li vorrei tutti!
    Alessandra

    RispondiElimina
  9. Che belle e originali, quella con i rubinetti poi!!!!
    Alessia
    THECHILICOOL

    RispondiElimina
  10. Accipicchia che meraviglia che sono queste creazioni...escono fuori dal coro e arrivano dritte all'anima, bussano alla porta e dicono "Hai visto come sono bello?" Davvero degli scrigni fiabeschi per custodire tutto ciò che di importante bisogna portare con sè ogni giorno!

    RispondiElimina
  11. Questa è pura arte... davvero molto belle...
    bel post, complimenti.
    Klay
    www.chepostdici.com

    RispondiElimina
  12. Wow sono splendide....originalissime e bellissime!

    RispondiElimina
  13. come sono carinissime, originalissime ed avvero bellissime, me ne sono innamorata!

    RispondiElimina
  14. Strane ed originali queste borse!!
    Ilenia's wardrobe
    http://ileniaswardrobe.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. Sono meravigliose e di classe. Grazie!

    RispondiElimina
  16. praticamente pezzi d'arte che ho già avuto modo di apprezzare, bellissime e originali!
    Le Stanze Della Moda

    RispondiElimina
  17. Sono dei veri capolavori chi li ha disegnate è un vera artista! Angela

    RispondiElimina

Thank you so much for this comment. Stay tuned and see you!!
Roberta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Metamorphose Concept oggi ci spiega una delle ricette più semplici ma efficaci per condire la pasta fresca, in questo caso l'agnolotto Gran Torino! Quindi che aspettate? Prendete nota e provate! Ricetta dedicata al banco di Michele di San Mauro! ;)

Posted by Pasta & Company on Venerdì 24 luglio 2015