domenica 29 gennaio 2012

EDGAR MUELLER e L’ARTE 3D

05
Street Painting Tridimensionale

Edgar Mueller non è certamente l’unico a praticarla (ci sono anche nomi come Eduardo Relero e Julien Beever), ma forse lui è il più famoso. 

Nato nel 1968 a Mülheim (Ruhr), da piccolo partecipò a un un concorso internazionale di pittori di strada e s’innamorò dell’aspetto effimero e transitorio di queste opere. 

A 16 anni si fece conoscere per una riproduzione della Cena in Emmaus di Caravaggio e nel 1998 ottenne il riconoscimento di “Maestro Madonnaro” al Festival di Grazie in Italia.

0807

A partire dall’età di 25 anni, Mueller ha così deciso di dedicarsi alla pittura di strada, viaggiando in tutta Europa e promuovendo in rete un forum per far crescere la solidarietà tra i pittori di strada in Germania. 

La sua fonte d’ispirazione è la pittura tridimensionale d’illusione di Kurt Wenner e Julien Beever, ma la sua è una formazione autodidatta.

02

06

Un maestro della pittura di strada, utilizza la strada come una tela. 

Se si guarda dal punto giusto, il suo dipinto tridimensionale diventa perfetta illusione. 

Dipinge su grandi aree urbane della vita pubblica e dà loro un nuovo aspetto, in modo stimolante le percezioni dei passanti. 

Scardinando le prospettive spaziali, l’artista chiama l’osservatore ad entrare nel nuovo paesaggio disegnato.

13

...una grotta, una cava, una frana, uno strapiombo…

La terra cede e sotto i piedi si aprono nuovi mondi. Così, vuoi per la leggerezza con cui i media diffondono certe informazioni false, vuoi per la bravura di Mueller, alcuni suoi lavori hanno suscitato grande clamore. 

Ne è un esempio la storia della La Grotta di Londra (2009), da cui emergerebbe un lago affluente nel Tamigi.

01

Altro esempio importante “The Crevasse”. 

Ci sono voluti 5 giorni per completare l’opera di circa 250 metri quadrati. 

Realizzata insieme ad un massimo di 5 assistenti, dipingendo tutto il giorno, dal sorgere del sole al tramonto. Vi svelerò come realizza queste immagini di grandi dimensioni.

a

b

d

e

f

g

h

i

l

m

n

o

p

q

r

s

Per altre informazioni vi consiglio il sito dell’artista, cliccando qui

8 commenti:

  1. E' fantastica l'arte di Edgar Miller! Quelle immagini danno veramente il senso del baratro, dell'abisso, del vuoto sotto di te! Creano una profondità che sembra davvero reale! E' qualcosa di straordinario! L'ho condiviso subito anche su Facebook perché mi ha colpito profondamente!

    RispondiElimina
  2. Hai proprio ragione...e credo sia molto più interessante vivere un'opera così grandiosa sotto di se...spero di incontrarlo prima o poi in giro per il mondo e vivere un'esperienza travolgente!

    RispondiElimina
  3. Ciao Roberta!
    Grazie del commento sul mio blog, sei stata molto gentile. Io sostengo da sempre i nuovi designer.
    Mi piacciono troppo i suoi lavori, una volta ce n'era uno che girava in rete con l'inferno Dantesco davvero molto divertente. E' interessantissimo vedere l'esecuzione dei lavori, dallo schizzo al risultato finale. Studiando architettura ti posso garantire che non è così semplice ottenere quel tipo di distorsione prospettica, che ovviamente si può avere solo in un determinato punto....se ci fai caso, nel filmato in stop motion, alcune foto sono fatte ad un'altezza diversa e l'effetto cambia di parecchio. Bellissimo! ;) Grazie della tua visita! A presto!

    Alessandro - The Fashion Commentator

    RispondiElimina
  4. Ciao Alessandro,
    grazie a te per essere passato. Eh si, hai proprio ragione. Ottenere quella distorsione prospettica non è per niente facile :)
    Che bello!! Architettura a Milano?? Io ho fatto il Liceo Artistico ad indirizzo architettonico e poi Ingegneria. Edgar è davvero molto bravo nelle sue restituzioni prospettiche. Sembra veramente di viverci dentro alle sue opere.
    A presto

    RispondiElimina
  5. trovo veramente molto belle e significative le sue opere.

    quando ci sarà una personale in Italia?

    RispondiElimina
  6. HO PROVATO ANCHE A CHIEDERE, MA NON MI è STATA ANCORA COMUNICATA UNA DATA...CHISSA', MAGARI ARRIVERA' PRESTO IN ITALIA...

    RispondiElimina
  7. wow che opere incredibili !!!
    complimenti per il blog, è davvero interessante :)
    grazie per essere passata da me
    baci baci,
    V

    RispondiElimina
  8. Ciao Vittoria, grazie anche a te..
    alla prox

    RispondiElimina

Thank you so much for this comment. Stay tuned and see you!!
Roberta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Metamorphose Concept oggi ci spiega una delle ricette più semplici ma efficaci per condire la pasta fresca, in questo caso l'agnolotto Gran Torino! Quindi che aspettate? Prendete nota e provate! Ricetta dedicata al banco di Michele di San Mauro! ;)

Posted by Pasta & Company on Venerdì 24 luglio 2015